fbpx
WhatsApp Image 2020-10-30 at 09.54.20 (1) copia

Dosa Vata

Con

“Ayurveda amritanam”, ossia l’Ayurveda è il migliore fra i fattori d’immortalità”.
Questa breve sentenza di due parole è tratta dalla Charaka Samhita, il trattato più antico e autorevole sulla medicina ayurvedica. Essa rimarca, amplificandolo, il proposito principe dell’Ayurveda: consentire a ogni uomo di vivere a lungo e in salute. Il termine “amrita”, infatti, oltre che “immortalità” significa anche “nettare”. E qual è il nettare della vita se non la salute? Equilibrio e longevità sono due concetti inseparabili tra loro.

Anche attraverso la pratica dello Yoga, delle tecniche di Pranayama e della meditazione, l’Ayurveda fornisce diversi strumenti per prenderci cura del nostro equilibrio.
La pratica che vi presento è dedicata alla pacificazione del Dosa Vata: quello che viene chiamato “Dosa padre” o “Dosa servo” è il più sensibile e soggetto a squilibri. La sua essenza eterea gli richiede uno sforzo di radicamento e presenza.
La pratica avrà proprio questi focus.
Namasté!

Serve aiuto?

Questo sito utilizza Cookie per migliorare la tua esperienza, puoi saperne di più leggendo la nostra Privacy PolicyProseguendo la navigazione accetti l’uso dei Cookie